7-10 anni/da 10 anni in su/fiabe/Fumetti

Hansel e Gretel di Sophia Martineck e La mela mascherata di Martoz, Canicola

La casa editrice Canicola porta in libreria una nuova collana di fumetti per bambini nel solco della sua produzione ricercata e internazionale, affidandone la realizzazione ad autori dal tratto maturo che solitamente scrivono e disegnano per un pubblico diverso da quello dei ragazzi. I primi due volumi pubblicati esprimo tutte le potenzialità di un progetto editoriale originale e coraggioso.

Su queste pagine cerco di parlare più che posso di fumetti per bambini, sia che vengano pubblicati da editori specializzati (come Bao publishing e Tunué), che da case editrici per ragazzi che vantano alcuni selezionatissimi graphic novel nel loro catalogo (Sinnos, Il castoro, ma non solo). Fortunatamente per i giovani amanti della nona arte sono sempre più numerose le pubblicazioni che non puntano solo sui meccanismi della serialità e della comicità (peraltro fondamentali per la diffusione e popolarità del mezzo, basti pensare alla longevità di Topolino e al recente fenomeno Scottecs Megazine di Sio), bensì su un approccio d’autore anche in presenza di componenti di genere e di intrattenimento, tipiche dei comics.

Con la nascita della collana Dino Buzzati della casa editrice bolognese Canicola, il panorama nostrano si arricchisce con la presenza di autori di graphic novel per ragazzi che sperimentano nello stile e nel modo di raccontare come farebbero per un pubblico di intenditori adulti.

Hansel e Gretel di Sophia Martineck, Canicola 2017, 16€

Il primo volume della collana è stato realizzato dalla fumettista e illustratrice tedesca Sophia Martineck, che si è cimentata con un adattamento della fiaba dei fratelli Grimm Hansel e Gretel pensato per lettori da 8 anni in su. Tutti gli episodi della storia (che non starò qui a raccontarvi) sono rispettati, così come l’incedere classico della narrazione; quello che cambia è l’ambientazione, sospesa fra presente e passato prossimo: i due fratellini sperduti non son fanciulli dell’Ottocento, ma potrebbero vivere ai giorni nostri (ce lo dicono le loro felpe con zip e cappuccio). La povertà, la necessità che i bambini se la cavino da soli quando gli adulti si dimostrano in estrema difficoltà, la tentazione di approfittare degli indifesi per sfruttarli, sono situazioni ricorrenti nelle fiabe, ma anch’esse appartengono a molte epoche compresa quella contemporanea, e il loro racconto non smette mai di coinvolgere i lettori.

Sophia Martineck rappresenta i personaggi e i luoghi della storia con marchio grafico sottilmente dark e raffinato, attraverso figure molto leggibili anche per un occhio bambino. Qualità tipica e pregevole del suo stile, riconoscibile anche negli altri lavori che ha pubblicato (illustrazioni, fumetti) e che si trovano sul suo sito internet, sono le composizioni che non tengono conto della prospettiva reale ma schiacciano tante figure all’interno delle vignette, creando motivi geometrici e ritmi visivi; e poi la scelta dei colori, resi più brillanti o pastosi rispettivamente dal contrasto o compresenza del segno a matita. Caratteristiche che avvicinano alcune sue tavole ai fumetti fatti da bambini e ragazzi, che per la voglia di raccontare spesso non possono evitare di infittire ogni angolo del proprio foglio di disegni.

Per approfondire la lettura, sul sito de L’indice dei libri del mese potete leggere un’intervista a Sophia Martineck, che ho recentemente curato per Libri Calzelunghe, e che racconta la genesi di Hansel e Gretel e il lavoro di un’artista il cui stile e immaginario sono da osservare con attenzione.

La mela mascherata di Martoz, Canicola 2017, 16€

Come secondo titolo della collana Dino Buzzati i lettori a partire dai 9/10 anni in su possono gustarsi La mela mascherata di Martoz, giovane fumettista umbro che ha da poco vinto il premio Nuove strade a Napoli comicon. Posso assicurarvi che il “frutto” di questo suo primo lavoro per bambini è davvero polposo e sorprendente!

Mentre Hansel e Gretel pesca da una tradizione consolidata e universale, La mela mascherata racconta una storia inedita e “locale”, prendendo spunto da luoghi reali e personaggi storici e leggendari vissuti in Romagna, precisamente a Cotignola, a fra XVI e XX secolo. Castelli e castellani, briganti e artisti del luogo vengono trasfigurati dalla matita del fumettista e diventano protagonisti di un’avventura fiabesca e western fuori dal tempo, molto avvincente e ben narrata.

I cat-boys, in sella ai loro gattoni e capitanati da Zanzi, si mettono alla ricerca dell’inafferrabile Mela Mascherata, classico oggetto magico di ogni quest che si rispetti, nonché unico antidoto al veleno puzzolente che il perfido Passatore ha gettato nel fiume Senio, appestando tutta la contea di Cotignork. Al loro fianco si schiera l’erborista Lucia, il cui amato Muzio è stato fatto prigioniero con l’accusa di aver avvelenato il fiume. Nume tutelare degli eroi mascherati è il maestro Varoli, che dispensa indovinelli e oracoli, che indirizzano l’azione verso scenari sempre nuovi, stravaganti e pericolosi.

Martoz racconta e disegna in modo esuberante, trasformando ogni tavola in un’esplosione di parole, linee e colori. Sulle prime il suo stile può apparire caotico e poco fruibile, ma bastano alcune trovate spassosissime (i polli allo spiedo che parlano, il cannone spara tortelli, il treno fantasma) per capire che l’autore è perfettamente sintonizzato con un immaginario stravagante e giocoso che può facilmente conquistare i giovani lettori e trascinarli dentro le sue vignette vertiginose.

Se vi state chiedendo che legame ci sia fra il paese di Cotignola, i suoi artisti e il mondo del fumetto, il mistero è presto spiegato: a Cotignola visse Luigi Varoli, un pittore e scultore del Novecento, che oltre ad essere stato maestro presso la Scuola Arti e mestieri di Cotignola, realizzò pregevoli opere di cartapesta – alle quali si rifanno le maschere dei cat-boys – tuttora conservate nel Museo civico. Proprio la Scuola e il Museo organizzano da alcuni anni il festival Saluti da Cotignork, all’interno del quale si sono svolti laboratori di fumetto per ragazzi curati da Canicola bambini.

I laboratori costituiscono una parte importante del progetto dell’associazione bolognese, che, accanto all’attività editoriale, promuove la lettura di fumetti e la sua diffusione come linguaggio artistico all’interno di scuole, biblioteche e festival.

Dal 5 all’11 giugno 201 appuntamento dunque a Cotignola con Martoz e Canicola per mostre, laboratori, murales e un concerto disegnato. Invece sabato 20 maggio alle 10.30 presso la Biblioteca Comunale C. Pavese di Casalecchio di Reno (Bologna), si svolgerà il laboratorio Perdersi nel bosco, ispirato al libro Hansel e Gretel., sempre a cura di Canicola.


P.s.: GiGi ha rallentato le sue pubblicazioni, ma nei prossimi mesi non smetterò di proporvi le recensioni di libri, fumetti, film e serie tv che stanno riempiendo il mio immaginario. Siate solo pazienti!

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...