C'era una volta.../GiGi

Ce l’ho, ce l’ho, mi manca…

Gli album di figurine non passano mai di moda! GiGi apre le porte della sua cameretta e vi svela la sua personale collezione…

Ariol e le figurine del Cavalier CavalloFinalmente un post personale, esulterete voi lettori! Ebbene sì, oggi parlerò in prima persona di una mia grande passione del passato: le raccolte di figurine!

Per parlarvi di ciò, sarò costretta a svelarvi il mio anno di nascita (il 1980) e ad aprirvi le porte di un luogo molto intimo: la cameretta della  mia infanzia. È lì che sono ancora custoditi, grazie alla cura dei miei genitori, tutti i miei album di figurine, quelli completi (pochi) e quelli incompleti (la maggior parte).

L’occasione di questa riflessione è nata nelle ultime settimane, assistendo alla cresecente mania di numerosi familiari e amici, non importa se adulti o bambini, per le figurine distribuite da una nota catena di supermercati… scambi frenetici fra parenti, lunghe liste di numeri mancanti, e infine… la gioia del completamento!

E così sono andata a rispolverare le collezioni che hanno infiammato la mia infanzia e svuotato, a furia di 500 lire a bustina, i portafogli dei miei genitori… riscoprendo vecchie icone del passato: perchè in fondo, le figurine, allora come oggi, non fanno altro che rispecchiare le mode che riguardano i giocattoli, i personaggi televisivi e talvolta cinematografici…

Al via dunque la galleria dei miei album preferiti!

Si comincia con il mio primo album, datato 1985, pazientemente completato grazie all’aiuto della mamma Marina: la protagonista è Camilla, la bambola dai capelli di lana e dotata di passaporto prodotta da Sebino (i creatori di Cicciobello) e oramai scomparsa dai negozi.

Altri giocattoli dei sogni, altro album di figurine: quello dei cavallini meglio noti come Mio Mini Pony. Inutile dire che collezzionavo anche i pupazzi!

Per compiacere i cugini maschi, mi sono dedicata, piuttosto svogliatamente, anche alla raccolta di figurine tratte dal cartone animato dedicato ai Masters of the Universe, di cui possedevo anche alcune indimenticabili action figure, He-man e Orko su tutte!

Qualche anno dopo, non poteva certo mancare la regina di tutte la bambole per ragazze: Barbie!

L’inconfondibile marchio delle Figurine Panini compariva anche sulle collezioni dedicate ai personaggi dei cartoni animati. Il mio preferito: il giapponese Occhi di Gatto! Adoravo le tre protagoniste, e nell’album mi dilettai a farle ancora più belle grazie a qualche sapiente segno di pennarello.

Altra passione, scoccata in concomitanza con l’uscita del cartone animato al cinema, quella per la Sirenetta Ariel di Disney, e il suo album malauguratamente mai completato (ma quante figurine doppie ci sono ancora attaccate sulle pareti della summenzionata cameretta)!

Ultimi ma non ultimi… gli Sgorbions! Pubblicati fra la fine degli anni Ottanta e l’inizio degli anni Novanta, gli orribili bambini dalle irriverenti e imbarazzanti caratteristiche nacquero come parodia delle bambole Cabbage Patch (“indossavano” la stessa faccia pacioccona) e ho recentemente scoperto su internet che furono ideati da Art Spiegelman, fumettista illustre di cui vi ho parlato anche su queste pagine.

Cari lettori, miei coetanei e non, ora la penna (o meglio, la tastiera) passa a voi: quali sono gli album di figurine preferiti della vostra infanzia? E quali quelli amati oggi dai vostri bambini e dai vostri amici più giovani?

P.S.: se siete curiosi di sapere chi è quell’asinello collezionista di figurine nella prima vignetta dell’articolo, vi dico solo che si chiama Ariol e prima o poi avrà lo spazio che merita su queste pagine…

 

Annunci

9 thoughts on “Ce l’ho, ce l’ho, mi manca…

  1. Pingback: 100 di questi articoli! | GiGi Il Giornale dei Giovani Lettori

  2. Cara Mila,
    ho volontariamente omesso gli album delle serie televisive “Bayside School” e “Beverly Hills 90210” dalla mia galleria, che però sono ancora conservati insieme agli altri. Di “Lupo Alberto” invece ho perso traccia: me lo ricordo molto colorato, rilegato con spirale e con numerosi inserti redazionali, ma chissà che fine ha fatto!

  3. Gli Sgorbions! Quanti ricordi. Senza dubbio è stato il mio album preferito, e come tutti i miei album di figurine mai completato 😦
    Tra gli album della mia infanzia mi sono particolarmente cari quello della Pantera Rosa e di Lupo Alberto, che credo sia dei primi anni ’90.
    Gli anni subito successivi invece (sono nata anche io nel 1980) li ho dedicati comprando, attaccando e scambiando figurine di un paio di serie televisive sui teenager in voga in quel periodo. Questi album credo di averli buttati, ma da qualche parte ho ancora la maglietta col bel faccino stampato di uno dei protagonisti!

  4. @giuliana: sono d’accordo che non sia mai troppo tardi per una bella collezione! Io però rimpiango il fatto di non averli completati certi album, a cominciare dagli Sgorbions! Peccato!

  5. Sono una ragazza di quasi 65 anni e solo da poco ho iniziato a collezionare figurine. Che passione!! Quelle della mia infanzia (pochissime!!) sono probabilmente finite nella carta straccia assieme a tutto quello che mia madre definiva “ciapa polvar”. Ma non è mai troppo tardi per ricominciare!!

  6. @Deedelit:dalla mia lista sono rimasti fuori gli album “Kiss Me Licia”, “I Puffi” e “Gli orsetti del cuore”… chissà se un giorno l’album della co… ops, non si può dire… darà ai bambini di oggi le stesse emozioni!
    @AtlantideKids: proprio ieri sera stavo leggendo “Il mio cuore e una piuma di struzzo” di Teresa Buongiorno, e ci ho trovato nominato, oltre all’album di figurine Panini sugli antichi egizi, anche quello sul Risorgimento! Che coincidenza!

  7. Di tutti gli album che menzioni io condivido solo Occhi di gatto…. L’esser più vecchia di 7 anni me ne ha fatti fare altri evidentemente! Anche i miei riposano felicemente in un mobile nella mia ex-cameretta e conto di rispolverarli semmai le Pupe si dovessero interessare ai vecchi cartoni giapponesi (in primis Lady Oscar, l’unico completato…).
    Che bei ricordi m’hai fatto tornare in mente! Proprio stasera che la cucciola grande ha completato il suddetto album della nota catena di super… 😉

  8. Chissà se da qualche parte a casa dei miei c’è ancora quello di Lady Oscar…
    Ne ricordo un altro che probabilmente solo io ho fatto (non completato perché non avevo nessuno con cui scambiare le figurine, lo facevo solo io e mi prendevano pure in giro!): era sul Risorgimento e aveva una forma strana rispetto agli altri album sempre A4 ma spillato sul lato corto. Ho scoperto or ora che c’è una riedizione in edicola in occasione dei 150 anni dell’unità di Italia, da non perdere! 😛

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...